Tariffa Rifiuti

Tariffa Rifiuti

TARIFFA RIFIUTI Il quadro normativo di riferimento era già stato radicalmente modificato con il D.L. 201/2011, che ha imposto a decorrere dall’01/01/2013 l’istituzione di un nuovo tributo: niente più TARSU, niente più TIA (1 o 2), ma TARES, la tassa per rifiuti e servizi che sostituirà tutti i tributi precedentemente introdotti.

Per la parte relativa ai rifiuti, commisurata alla potenzialità produttiva delle varie utenze, non essendo stato emanato alcun regolamento attuativo, si è fatto riferimento al metodo normalizzato definito dal D.P.R. 158/1999. Alla quota rifiuti si è poi aggiunto un importo per i cosiddetti “servizi indivisibili, che sarà commisurato alle sole superfici.

Già da tempo il Consorzio si è dotato di uno strumento informatico per supportare le Amministrazioni consorziate nell’analisi e nella scelta dei parametri e dei profili tariffari, o semplicemente per il calcolo della TARSU; il programma è stato poi implementato in modo da poter procedere anche ai calcoli TARES.

E’ possibile avviare con le Amministrazioni comunali una collaborazione ai fini di supportare le strutture in tutte le fasi di gestione del tributo: redazione piano finanziario, riclassificazione utenze non domestiche, adeguamento anagrafica utenze domestiche e inserimento numero occupanti, simulazioni tariffarie e calcolo, supporto nella redazione del regolamento.

Il progetto può essere completato con il supporto per la stampa e postalizzazione degli avvisi e con l’inserimento del calcolo on line sul sito del Comune. La Legge di Stabilità 2014 ha modificato ulteriormente l’impostazione del tributo, attraverso l’introduzione della IUC – Imposta Unica Comunale, che si compone di: TARI, per la componente rifiuti, sostituisce la TARES senza modificarla in modo importante rispetto all’anno precedente. TASI, a copertura dei servizi indivisibili, utilizza la stessa base imponibile dell’IMU considerando anche la prima casa. IMU, classica imposizione immobiliare, invariata rispetto al 2013.

Il Consorzio, al fine di rendere un servizio efficiente alle Amministrazioni convenzionate, ha già dotato il programma in uso del modulo per il calcolo di TASI ed IMU, collaborando per la creazione delle relative anagrafiche; prosegue senza sostanziali variazioni la collaborazione per quanto riguarda il calcolo della TARI, in base a quanto sopra indicato relativamente a TARSU e TARES. Le attività proseguiranno anche negli anni successivi, salvo ovviamente ulteriori sviluppi della normativa di riferimento.

 

top ↑

Links Utili